Se cadono i tuoi pezzi

(testo e musica di C. Flaminio)

Stai seduto nella tua stanza/ Provi a ricomporre/ pezzi di cartone/ All’improvviso la tua emergenza/
Una voce scorre/ stracci di parole/ Poi aggressivo ti giri a me/ il solito tuo ballo/ la solita domanda/
E’ il tuo modo di vincere/ Tu mi cogli in fallo/ prima che risponda/ Non riesci a stare senza/
tutte le tue guerre/ perse in partenza/ Cosa vuoi dimostrare/ quando provi a farmi male/
Cosa posso fare/ se cadono i tuoi pezzi/ Mi costringi e mi trascini/ in questa tua deriva/
di un dialogo violento/ Cento e più interrogativi/ Da dove arriva/ il tuo smarrimento/
Tutto a un tratto mi sorridi/ Poi ti guardi intorno/ con aria confusa/ E’ finita ma non ti chiedi/
se questo lascia un segno/ o forse mi hai delusa/ Cosa vuoi dimostrare/ quando provi a farmi male/
Cosa posso fare/ se cadono i tuoi pezzi/ Il rumore del tuo ego/ é così forte che non senti/
il mio cuore a cui non spiego/ la tua noia e i suoi lamenti/ Il tuo gioco è feroce/ io non so partecipare/
Il tuo sguardo e la tua voce/ in questa luce fanno male/ Cosa vuoi dimostrare/ quando provi a farmi male/
Cosa posso fare/ se cadono i tuoi pezzi.

Stampa