Ottenebra

(testo e musica di C. Flaminio)

Sei la fine/ di ogni notte/ il colore denso che nasconde/ Sei quell’ombra della nebbia/
che si volta simile a un sospetto/ Mi spaventi/ ogni volta che non ti capisco/ Sono persa/
ogni volta ad ogni tua nuova crisi/ Sei la pioggia/ il temporale/ che fa andare via la luce e lascia il buio/
Riesci più a sentirmi/ Riesci più a parlare/ la nebbia che si addensa/ ti tormenta e stringe/
le dita sui tuoi occhi/ Non riesco più a sentirti/ Non riesco più a trattenerti/ La notte passerà/
asciugherà la pioggia/ e scioglierà la nebbia/ Dimmi tu/ se lo vuoi/ se lo chiedi posso stare ancora/
Se lo sai/ dillo tu/ è il silenzio ciò che vuoi ora/ Io ti osservo e non vedo più lo stesso volto/
Io ti ascolto/ e non riconosco la tua voce/ Sei un vulcano che riversa/ la propia lava sul suo petto nudo/
Riesci più a sentirmi/ Riesci più a parlare/ la nebbia che si addensa/ ti tormenta e stringe/
le dita sui tuoi occhi/ Non riesco più a sentirti/ Non riesco più a trattenerti/ Fuggi e ti nascondi/
dietro la tua porta/ tra me ed il tuo mondo/ Riesci più a sentirmi?

Stampa